Federica Pellegrini, rottura definitiva con Filippo Magnini

Federica Pellegrini ha detto definitivamente addio a Filippo Magnini? La notizia circola da tanto, ma secondo La Gazzetta dello Sport l’addio ufficiale risale a domenica sera. Finita la competizione mondiale, la nuotatrice si è presa la sua rivincita e con la medaglia al collo ha messo i puntini sulle i nella sua vita, anche amorosa. Dopo essere stata vista abbracciare Magnini, avrebbe segnato la fine dell’amore.

pellegrini-1-780x450 (1)

Che Federica e Filippo non stavano insieme da tempo era cosa risaputa, allenamenti lontani, cene e serate tra amici diversi, un avvicinamento sospetto della nuotatrice al suo allenatore Matteo Giunta, che è anche cugino di Filippo. Tanti indizi, mai confermati e soprattutto – come nel caso di Giunta – addirittura smentiti. Poi l’abbraccio di Fede e Filo a bordo vasca. Lui, uscito dalla gara, che si congratula con lei, che è salita sul gradino più alto del podio. “Finalmente ti sei ripresa il posto che ti spetta” aveva cinguettato Magnini, lei aveva risposto con altrettanta carineria. Ora a chiarire le posizioni amorose ci pensa La Gazzetta dello Sport, che scrive: “Dopo il trionfo di Federica qualcosa deve essere successo se si è arrivati alla rottura definitiva, domenica sera”. E’ la terza volta che la Pellegrini si “sfidanza”, e lei di Magnini al Corriere della Sera dice: “Capisco che certi argomenti interessino, ma il momento è delicato e voglio tenere privata la nostra vicenda”. Ora Federica è in Russia: nuovo giro, nuovo tour…

Valeria, la travel blogger romana che gira il mondo: “Viaggiare ci aiuta a conoscere noi stessi”

Si chiama Valeria, il suo nick name da viaggiatrice è Ciretta Wanderlust, ha 30 anni ed è di Roma, anche se ferma a Roma non ci sta quasi mai.
Viaggiare infatti, è una delle sue più grandi passioni e lo fa ogni volta che può. Questa passione unita alla voglia di vivere delle esperienze fuori dall’ordinario, ha dato vita nel Novembre 2015, al suo Blog www.cirettawanderlust.it.

2588740_1757_sup2

Ama lo sport, la natura, le piace fare nuove esperienze ed ha un irrefrenabile e costante desiderio di adrenalina.
Che sia un trekking, una giornata sulle onde, un’esperienza insolita, audace e magari anche rischiosa, in un attimo indossa l’attrezzatura necessaria ed è pronta a viverla.
Il suo obiettivo è quello di trasmettere a chi visita il Blog l’energia e la passione per lo sport, per le avventure, per i viaggi e per tutto quello che regala emozioni.
Trova che allontanandosi dalla vita caotica e frenetica di tutti i giorni, da cui troppo spesso veniamo assorbiti, riesce ad avvicinarsi di più a se stessa, venendo a conoscere la nostra vera natura.
Nei suoi 30 anni, oltre ad una bella porzione d’Europa, ha visitato anche buona parte del mondo: dal Vietnam, alla Cambogia, dal Laos alla Thailandia, dall’Indonesia alle Filippine, dai Caraibi al Marocco, fino alla Nuova Zelanda, ma ama tantissimo anche l’Italia e non perde mai l’occasione di ribadire a chi la segue tutta la sua bellezza.
Come ha citato nella presentazione di un Video girato in Sardegna, che ha sfiorato le 50.000 visualizzazioni, “Viaggiamo per il mondo, ma spesso, le più grandi meraviglie, sono a casa nostra“.

Maradona, Siani e “Tre volte 10”: “Incantato dalla gente di Napoli”

«Ai napoletani racconterò il Maradona di dentro, quello che stava nella testa di ogni tifoso del Napoli. Non credo che sia mai accaduto a un altro giocatore». Così Diego Armando Maradona ha illustrato alla stampa lo show “Tre volte dieci” – scritto e diretto da

2197436_whatsapp_image_2017_01_15_at_17.29.30

Alessandro Siani – di cui sarà protagonista domani sera al teatro San Carlo e che fa registrare il tutto esaurito.
«Il teatro più bello lo abbiamo noi napoletani – ha proseguito Maradona – è il San Carlo». Accanto a lui il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e Alessandro Siani. «Benvenuto a Napoli – ha detto de Magistris – ti invitiamo a maggio per fare una grande festa. Il calcio è cultura».

Rosario tifoso del Napoli esulta allo Juventus Stadium: “È stato bellissimo”, e diventa un eroe

Un’esultanza che lascia il segno. Un napoletano tra gli juventini, esulta al gol di Callejon allo Juventus Stadium e subito diventa l’eroe della città.
La foto di Rosario Violane – questo il suo nome – impazza sui social e centinaia di supporter azzurri hanno espresso apprezzamento per il suo “coraggio”. Proprio durante il suo urlo di gioia infatti, si vedono diversi tifosi bianconeri guardarlo con perplessità e stupore.

2055568_foto_tifoso_napoli_31200808.jpg.pagespeed.ce.S5i5Dq5b-g

Ma com’è stato esultare tra gli juventini? A dircelo è proprio lui: “E’ stata una sensazione strepitosa esultare proprio lì, nella casa degli juventini. Avevamo ascoltato per tutta la partita i loro cori ed i loro insulti che dopo il primo gol erano diventati incessanti. Alla rete di Callejon non abbiamo potuto più trattenere la gioia che in quel momento si è trasformata anche in rivalsa”.
Uno scatto di felicità insomma, dopo una gara passata ad ascoltare gli sfottò e le offese al popolo partenopeo. “Quella rete mi ha dato la forza di reagire ad un momento veramente difficile. Immediatamente dopo però, io e la mia famiglia siamo diventati dei bersagli ed i cori contro di noi sono diventati costanti, tanto da spingere gli steward ad invitarci a lasciare lo stadio pochi minuti prima della fine della partita. Sono felice di quello che ho fatto comunque e spero di rifarlo al più presto, perché il tifo – soprattutto quello per la squadra azzurra – deve essere espresso in ogni momento e senza paura”.